Ritratti. Parte 5. Ritratto psicologico


La parte psicologica del ritratto riflette il carattere della persona. Il carattere nella foto è l'impronta del tempo sulla persona. Se una persona vive bene, spesso sperimenta emozioni positive, senno, quelle negative. Grazie a questo, vengono create delle grinze che raccontano allo spettatore della vita del modello. Quando lo spettatore vede un ritratto di una persona anziana, può definire se e` una persona severa o gentile, bonaria o dispettosa e molto altro ancora.

Esistono due generi principali del ritratto psicologico: • Ritratto emozionale: mostra emozioni. L'emozione è un riflesso ad uno stimolo esterno. Introducendo l'emozione nella cornice, il fotografo dota la persona di vita e mostra il suo stato emotivo. Le foto con le emozioni vengono lette piu` a lungo e ricordate meglio. • Ritratto sensuale: dimostra sentimenti o stati d'animo. I sentimenti sono un gruppo di emozioni che una persona sperimenta. Affinché lo spettatore possa capire i sentimenti della persona fotografata, il fotografo deve aggiungere una ragione o un'azione alla cornice.

Ad esempio, se la foto rappresenta una persona sorridente, è solo un ritratto emotivo. Ma se davanti a una persona c'è una scatola con un regalo - allora è già la gioia che viene rappresentata. Inoltre, abbiamo visto l'immagine di Vasnetsov "Sorella Alyonushka" (meglio conosciuta come "Alyonushka su un sassolino"), in cui una ragazza sta seduta in posizione fetale, appendendo la testa. In questa posizione, la persona si sente più a suo agio e piu` protetta. Una testa abbassata indica che la modella è fisicamente stanca e l'espressione del viso riflette la sofferenza. Tutte queste espressioni fisiche sono lette dallo spettatore come tristezza.

Combinando i generi psicologici e sociali, è possibile ottenere contenuti più interessanti nella fotografia, piuttosto che usandoli separatamente.

Un fotografo che, dopo aver creato un`idea per lo scatto, analizzatolo e correlatolo con i generi di ritratto, saprà quali accenti devono essere aggiunti alla foto in modo che questa idea diventi nota e comprensibile non solo a lui, ma anche allo spettatore. Pertanto, è meglio pensare e creare un lavoro di alta qualità piuttosto che premere senza pensarci un pulsante della fotocamera, sperando di catturare ciò che si desidera, senza comunque ottenerlo.

Recent Posts
Search By Tags

© 2010-2020 Destination wedding photographer
 ArtPhotography by Olga Angelucci +393277523522 olga.angelucci.ph@gmail.com

Roma, Lazio, Italia

  • mywed
  • Instagram Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Vkontakte Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Flickr Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Google Places Icona sociale